Dissidio, stasis e società dipolari