La stereotomia è la scienza del taglio dei solidi. Usa grafici geometrici per la determinazione completa della forma e delle dimensioni dei conci che costituiscono archi, volte o cupole. Non solo quindi il generico taglio di conci in pietra, di origine assai antica, ma l’insieme di procedure geometriche coerenti e ripetibili, atte a progettare, costruire e rappresentare interi edifici o parti di essi. Tra la seconda metà del Cinquecento e la prima metà del Settecento i molti trattati di stereotomia pubblicati , principalmente in Francia, compongono la piattaforma logica e definiscono le basi teoriche per la codificazione mongiana della geometria descrittiva. Un corso lento e non univoco, a volte caratterizzato da repentine fughe in avanti e ritorni nell’alveo della tradizione, che ha senz’altro avuto come obiettivo l’edificazione di manufatti architettonici ma anche quello di raccogliere e ordinare i risultati ottenuti nei coevi studi di geometria. Questo capitolo ha il compito di illustrare i metodi adottati dai trattatisti di quel periodo, mettendone in luce le caratteristiche, le differenze e il loro progressivo consolidamento.

Stereotomia della pietra. Metodi e applicazioni tra la metà del Cinquecento e la metà del Settecento

TREVISAN, CAMILLO
2009

Abstract

La stereotomia è la scienza del taglio dei solidi. Usa grafici geometrici per la determinazione completa della forma e delle dimensioni dei conci che costituiscono archi, volte o cupole. Non solo quindi il generico taglio di conci in pietra, di origine assai antica, ma l’insieme di procedure geometriche coerenti e ripetibili, atte a progettare, costruire e rappresentare interi edifici o parti di essi. Tra la seconda metà del Cinquecento e la prima metà del Settecento i molti trattati di stereotomia pubblicati , principalmente in Francia, compongono la piattaforma logica e definiscono le basi teoriche per la codificazione mongiana della geometria descrittiva. Un corso lento e non univoco, a volte caratterizzato da repentine fughe in avanti e ritorni nell’alveo della tradizione, che ha senz’altro avuto come obiettivo l’edificazione di manufatti architettonici ma anche quello di raccogliere e ordinare i risultati ottenuti nei coevi studi di geometria. Questo capitolo ha il compito di illustrare i metodi adottati dai trattatisti di quel periodo, mettendone in luce le caratteristiche, le differenze e il loro progressivo consolidamento.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11578/11261
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact