Il bordo delle cose. L’ontologia implicita dei modelli solidi