Post-produzioni. O del problema della scelta