Tra Montello e città  diffusa. La percezione del paesaggio e delle sue trasformazioni