Il pubblico dell’arte contemporanea e il mercato mancante