Dalla waste land alla smart land. Fra memoria e desiderio