Il volume accoglie una completa documentazione illustrata del progetto di recupero, come sede universitaria, del complesso dei tre edifici militari austriaci, nel Compendio di Santa Marta a Verona che sorgono all’interno di una vasta area fino ad oggi inaccessibile ai suoi cittadini. I vari capitoli propongono un’accurata descrizione degli edifici e della metodologia di intervento , basata sulla massima conservazione dell’apparecchiatura strutturale con tecniche tradizionali ed il recupero delle superfici e degli spazi attraverso leggeri inserti di nuova architettura che ne consentono una moderna e adeguata fruizione, senza comprometterne l’autenticità tipologica e materiale. Il volume è suddiviso in due sezioni: la prima illustra il progetto di recupero del silos di ponente, costituito da tre grandissimi saloni con solai e capriate in legno, destinati ad accogliere le aule maggiori. La seconda illustra il recupero dell’ex Panificio, un massiccio complesso di centomila metri cubi in pietra e mattoni, che si sviluppa intorno a tre corti, destinato ad accogliere nei numerosi ambienti voltati e nel grande sottotetto a capriate, aule, laboratori, studi uffici amministrativi e una grande biblioteca. La singolare architettura militare è illustrata da una dettagliata indagine fotografica, dai disegni originali del progetto ottocentesco, dalle tavole di rilievo e da relazioni storiche e metodologiche. Il volume è introdotto da una serie di immagini di altre opere dell’autore che ne testimoniano la filosofia progettuale la lunga esperienza nel settore.

Conservazione e Architettura

CARMASSI, MASSIMO
2007

Abstract

Il volume accoglie una completa documentazione illustrata del progetto di recupero, come sede universitaria, del complesso dei tre edifici militari austriaci, nel Compendio di Santa Marta a Verona che sorgono all’interno di una vasta area fino ad oggi inaccessibile ai suoi cittadini. I vari capitoli propongono un’accurata descrizione degli edifici e della metodologia di intervento , basata sulla massima conservazione dell’apparecchiatura strutturale con tecniche tradizionali ed il recupero delle superfici e degli spazi attraverso leggeri inserti di nuova architettura che ne consentono una moderna e adeguata fruizione, senza comprometterne l’autenticità tipologica e materiale. Il volume è suddiviso in due sezioni: la prima illustra il progetto di recupero del silos di ponente, costituito da tre grandissimi saloni con solai e capriate in legno, destinati ad accogliere le aule maggiori. La seconda illustra il recupero dell’ex Panificio, un massiccio complesso di centomila metri cubi in pietra e mattoni, che si sviluppa intorno a tre corti, destinato ad accogliere nei numerosi ambienti voltati e nel grande sottotetto a capriate, aule, laboratori, studi uffici amministrativi e una grande biblioteca. La singolare architettura militare è illustrata da una dettagliata indagine fotografica, dai disegni originali del progetto ottocentesco, dalle tavole di rilievo e da relazioni storiche e metodologiche. Il volume è introdotto da una serie di immagini di altre opere dell’autore che ne testimoniano la filosofia progettuale la lunga esperienza nel settore.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11578/23662
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact