Testimone e insieme simbolo di una memoria controversa, mole ingombrante per una cittadina di provincia mai cresciuta malgrado le previsioni della sua 'seconda fondazione', la Casa del Fascio e dell’Ospitalità di Predappio versa oggi in condizioni di degrado ed abbandono. Ciononostante, la velocità e l’entità delle trasformazioni subite non sembrano permettere all'oggetto di divenire 'rovina': il patrimonio del XX secolo non si usura, non sembra arricchirsi di segni, stenta “ad acquisire la bellezza sublime che la «patina dorata del tempo» conferisce alla fabbriche e ai materiali della tradizione” . Queste architetture “si degradano con rapidità e divengono nella percezione comune oggetti desueti, parte di uno spazio indeterminato che appare a volte estraneo e che si stenta a riconoscere come un luogo di memorie, per quanto vicine e controverse”. Alla significanza di questo edificio non concorre, però, solo la storia ufficiale: numerose micro-storie documentate rendono l'oggetto 'realtà costruita', ancor prima che simbolo e caso emblematico. Il contributo documenta lo stato di conservazione della Casa del Fascio e dell’Ospitalità di Predappio attraverso un'attenta disamina delle tecniche costruttive e dei suoi materiali costituenti, allo scopo di fornire un contributo utile alle strategie da adottare per la sua conservazione.

«Qual è il materiale più durevole? L’arte» : declino e decadimento di un oggetto dall’immortalità provvisoria

Di Resta, Sara
2015

Abstract

Testimone e insieme simbolo di una memoria controversa, mole ingombrante per una cittadina di provincia mai cresciuta malgrado le previsioni della sua 'seconda fondazione', la Casa del Fascio e dell’Ospitalità di Predappio versa oggi in condizioni di degrado ed abbandono. Ciononostante, la velocità e l’entità delle trasformazioni subite non sembrano permettere all'oggetto di divenire 'rovina': il patrimonio del XX secolo non si usura, non sembra arricchirsi di segni, stenta “ad acquisire la bellezza sublime che la «patina dorata del tempo» conferisce alla fabbriche e ai materiali della tradizione” . Queste architetture “si degradano con rapidità e divengono nella percezione comune oggetti desueti, parte di uno spazio indeterminato che appare a volte estraneo e che si stenta a riconoscere come un luogo di memorie, per quanto vicine e controverse”. Alla significanza di questo edificio non concorre, però, solo la storia ufficiale: numerose micro-storie documentate rendono l'oggetto 'realtà costruita', ancor prima che simbolo e caso emblematico. Il contributo documenta lo stato di conservazione della Casa del Fascio e dell’Ospitalità di Predappio attraverso un'attenta disamina delle tecniche costruttive e dei suoi materiali costituenti, allo scopo di fornire un contributo utile alle strategie da adottare per la sua conservazione.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
02 Di Resta_Qual è il materiale più durevole.pdf

non disponibili

Descrizione: Contributo principale
Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: DRM non definito
Dimensione 6.63 MB
Formato Adobe PDF
6.63 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11578/256791
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact