La ricezione del metodo muratoriano in Giappone