La risoluzione del reale nel teatro