La riforma psichiatrica con l’applicazione della legge n.180 ha sancito la chiusura su scala nazionale degli Ospedali psichiatrici. Una di queste lacune urbane è l’ex Ospedale psichiatrico di Rovigo. Nato come villaggio manicomiale, sospeso nel tempo al suo abbandono del 1997. Il piccolo-villaggio è ora una città-altra di memoria, con una estensione di 130.000 mq e 84.000 mq di area agricola. Un luogo di con ne tra la città e i suoi relitti. In che modo può essere trasmessa la memoria della assenza degli Ospedali psichiatrici coniugandola con il loro essere frammenti urbani? In che misura può esistere un equilibrio nel rapporto tra materiale e immateriale? Il volume ri ette su questi interrogativi analizzando la memoria strati cata dell’Ospedale, lo spazio degli oggetti abbandonati, il modello tipologico (cui la normativa si riferisce), i documenti, le immagini, il vissuto umano, il luogo dell’oblio. Ragiona sul concetto di eterotopia per esplorare il signi cato culturale del valore immateriale in architettura, la sua potenziale conservazione come testimonianza di un processo sociale, superando il concetto di monumento per introdurlo nella dimensione del racconto, del memoriale. Un viaggio scienti co che naviga in un paradosso: trovare memoria nell’oblio.

La memoria dell'oblio : ex Ospedale psichiatrico di Rovigo

Emanuela Sorbo
2017

Abstract

La riforma psichiatrica con l’applicazione della legge n.180 ha sancito la chiusura su scala nazionale degli Ospedali psichiatrici. Una di queste lacune urbane è l’ex Ospedale psichiatrico di Rovigo. Nato come villaggio manicomiale, sospeso nel tempo al suo abbandono del 1997. Il piccolo-villaggio è ora una città-altra di memoria, con una estensione di 130.000 mq e 84.000 mq di area agricola. Un luogo di con ne tra la città e i suoi relitti. In che modo può essere trasmessa la memoria della assenza degli Ospedali psichiatrici coniugandola con il loro essere frammenti urbani? In che misura può esistere un equilibrio nel rapporto tra materiale e immateriale? Il volume ri ette su questi interrogativi analizzando la memoria strati cata dell’Ospedale, lo spazio degli oggetti abbandonati, il modello tipologico (cui la normativa si riferisce), i documenti, le immagini, il vissuto umano, il luogo dell’oblio. Ragiona sul concetto di eterotopia per esplorare il signi cato culturale del valore immateriale in architettura, la sua potenziale conservazione come testimonianza di un processo sociale, superando il concetto di monumento per introdurlo nella dimensione del racconto, del memoriale. Un viaggio scienti co che naviga in un paradosso: trovare memoria nell’oblio.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11578/270092
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact