Verso la fine dell’ottocento Alois Riegl fornisce un quadro teorico al crescente interesse coltivato dalla storiografia tedesca nei confronti di quei periodi artistici fino ad allora ritenuti di decadenza: manierismo, barocco e rococò. Le opere di Cornelius Gurlitt, August Schmarsow, Heinrich Woelfflin aprono nuove prospettive di ricerca che trovano riscontro nelle arti figurative, nell’architettura e nelle arti applicate come anche nell’ultima stagione della politica imperiale viennese. Il saggio indaga tali intrecci con particolare riferimento all’opera di Otto Wagner negli anni che precedono la sua svolta ‘modernista’ con la costruzione della Majolikahaus.

Otto Wagner und der Barock

Pogacnik, Marco
2018

Abstract

Verso la fine dell’ottocento Alois Riegl fornisce un quadro teorico al crescente interesse coltivato dalla storiografia tedesca nei confronti di quei periodi artistici fino ad allora ritenuti di decadenza: manierismo, barocco e rococò. Le opere di Cornelius Gurlitt, August Schmarsow, Heinrich Woelfflin aprono nuove prospettive di ricerca che trovano riscontro nelle arti figurative, nell’architettura e nelle arti applicate come anche nell’ultima stagione della politica imperiale viennese. Il saggio indaga tali intrecci con particolare riferimento all’opera di Otto Wagner negli anni che precedono la sua svolta ‘modernista’ con la costruzione della Majolikahaus.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
otto wagner barock_pogacnik.pdf

non disponibili

Tipologia: Versione Editoriale
Licenza: Accesso ristretto
Dimensione 2.98 MB
Formato Adobe PDF
2.98 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11578/272652
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact