La fotografia di paesaggio sta vivendo oggi un momento di grande dinamismo sia autoriale che istituzionale, ed è a essa che spesso si riferiscono le argomentazioni della pianificazione territoriale. "PhotoPaysage, Ce que la photographie fait au paysage", un seminario internazionale di studi tenutosi a Venezia tra il 16 e il 17 giugno 2016, si proponeva di osservare la genesi di un paesaggio fotografato, italiano e francese, che si è strutturato attraverso processi di co-costruzione fotografici e paesaggistici, come sostengono filosofi e storici, fotografi, paesaggisti, architetti e urbanisti. Da quell'incontro nasce questa pubblicazione, al cui interno sono sollevate le questioni che un controllo istituzionale apre sul farsi di un lavoro autoriale e più in generale si prende atto delle conseguenze del diffondersi della modernità fotografica in un'area fortemente segnata dalla rappresentazione pittorica. La storia e le pratiche del paesaggio italiano differiscono da quelle del paesaggio francese, meno costruito e più orientato alla natura. Tuttavia, non sono tanto le contrapposizioni a essere state qui ricercate, quanto lo sviluppo congiunto di una certa filosofia del paesaggio che non ignora le sue contemporanee pratiche di rappresentazione.

Introduzione

malvina borgherini
;
2020

Abstract

La fotografia di paesaggio sta vivendo oggi un momento di grande dinamismo sia autoriale che istituzionale, ed è a essa che spesso si riferiscono le argomentazioni della pianificazione territoriale. "PhotoPaysage, Ce que la photographie fait au paysage", un seminario internazionale di studi tenutosi a Venezia tra il 16 e il 17 giugno 2016, si proponeva di osservare la genesi di un paesaggio fotografato, italiano e francese, che si è strutturato attraverso processi di co-costruzione fotografici e paesaggistici, come sostengono filosofi e storici, fotografi, paesaggisti, architetti e urbanisti. Da quell'incontro nasce questa pubblicazione, al cui interno sono sollevate le questioni che un controllo istituzionale apre sul farsi di un lavoro autoriale e più in generale si prende atto delle conseguenze del diffondersi della modernità fotografica in un'area fortemente segnata dalla rappresentazione pittorica. La storia e le pratiche del paesaggio italiano differiscono da quelle del paesaggio francese, meno costruito e più orientato alla natura. Tuttavia, non sono tanto le contrapposizioni a essere state qui ricercate, quanto lo sviluppo congiunto di una certa filosofia del paesaggio che non ignora le sue contemporanee pratiche di rappresentazione.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Borgherini Sicard Introduzione Photopaysage.pdf

non disponibili

Tipologia: Versione Editoriale
Licenza: Accesso ristretto
Dimensione 5.32 MB
Formato Adobe PDF
5.32 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11578/283655
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact