Nonostante il noto slogan che definisce l’architettura una «macchina per abitare», o forse proprio in nome di ciò, la natura resta nella ricerca lecorbuseriana un termine di confronto ineludibile quanto ambiguo. Ripercorrendo gli anni di formazione dell’architetto, trascorsi viaggiando e confrontandosi con alcuni tra i principali maestri europei, il saggio indaga in particolare i ripetuti soggiorni di Le Corbusier presso la città giardino di Hellerau. L’incontro con la comunità di artisti che nella città giardino si riuniva e lavorava costituisce un’esperienza decisiva al fine di cogliere la direzione assunta dall’evoluzione del pensiero del giovane Le Corbusier. Agli ornamenti che rivestivano i fronti della Maison Fallet a La-Chaux-de-Fonds, sapientemente tratti dalla flora e dalla fauna della regione dello Jura secondo un procedimento di rigorosa astrazione mutuato da Grammar of Ornament di Owen Jones, egli giunge a preferire il rigore delle abitazioni costruite da Heinrich Tessenow o il silenzio degli spazi allestiti da Adolph Appia, la cui misura pare estraniata dalla natura circostante. Sollecitato da quanto osservato a Hellerau, Le Corbusier prosegue il suo viaggio verso la Grecia e l’Italia, allontanandosi progressivamente dal maestro Charles L’Eplattenier e dalla poetica regionalista a favore di un nuovo umanesimo, volto alla costruzione di un mondo esatto e artificiale che nella macchina riconosce un modello di ordine da contrapporre programmaticamente al caos di una natura sempre più indecifrabile.

Le jeune le Corbusier: du naturalism régionaliste à la poétique de l’artifice

BONAITI, MARIA
2004

Abstract

Nonostante il noto slogan che definisce l’architettura una «macchina per abitare», o forse proprio in nome di ciò, la natura resta nella ricerca lecorbuseriana un termine di confronto ineludibile quanto ambiguo. Ripercorrendo gli anni di formazione dell’architetto, trascorsi viaggiando e confrontandosi con alcuni tra i principali maestri europei, il saggio indaga in particolare i ripetuti soggiorni di Le Corbusier presso la città giardino di Hellerau. L’incontro con la comunità di artisti che nella città giardino si riuniva e lavorava costituisce un’esperienza decisiva al fine di cogliere la direzione assunta dall’evoluzione del pensiero del giovane Le Corbusier. Agli ornamenti che rivestivano i fronti della Maison Fallet a La-Chaux-de-Fonds, sapientemente tratti dalla flora e dalla fauna della regione dello Jura secondo un procedimento di rigorosa astrazione mutuato da Grammar of Ornament di Owen Jones, egli giunge a preferire il rigore delle abitazioni costruite da Heinrich Tessenow o il silenzio degli spazi allestiti da Adolph Appia, la cui misura pare estraniata dalla natura circostante. Sollecitato da quanto osservato a Hellerau, Le Corbusier prosegue il suo viaggio verso la Grecia e l’Italia, allontanandosi progressivamente dal maestro Charles L’Eplattenier e dalla poetica regionalista a favore di un nuovo umanesimo, volto alla costruzione di un mondo esatto e artificiale che nella macchina riconosce un modello di ordine da contrapporre programmaticamente al caos di una natura sempre più indecifrabile.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11578/3000
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact