Le trasformazioni che stiamo attraversando, la transizione digitale, la transizione ecologica investono tutti i campi del sapere e in particolare il design, la cultura materiale. La materia fisica si ibrida con il digitale e con i sistemi naturali, la progressiva conversione verso la smaterializzazione coinvolge non solo il mondo del prodotto e della produzione industriale, ma anche gli aspetti della vita sociale e individuale, le relazioni, la fruizione degli spazi, il rapporto con il territorio e la cultura, la salute, ogni aspetto del nostro vivere quotidiano. Si è messo in moto un processo di scambio continuo di dati fra esseri umani, oggetti e natura: vari aspetti della vita sociale e individuale vengono convertiti in dati, elaborati successivamente come informazioni, a loro volta dotate di nuove forme di valore anche economico. In questo scenario il design si trova a lavorare fra il visibile e l’invisibile, fra il materiale e l’immateriale, il reale e il virtuale. Si parla già da diversi anni di Internet of Everything (IoE), che non riguarda solo la relazione con gli oggetti (IoT), ma anche fra macchine e persone, persone e persone. I prodotti-servizi permettono di usare senza possedere, e l’obiettivo dei designer è riuscire a usare le tecnologie in modo invisibile, lavorando sul significato delle cose e delle relazioni. # Capacità di immaginazione; Distanziamento/Esperimento sociale; Verso la servitizzazione; Il sistema prodotto-servizio; Questioni di sostenibilità; Estendere il concetto di prodotti-servizi alle esperienze sul territorio; Consapevolezza civica.

Dal possesso all’uso : oltre il binomio prodotto/servizio

Raffaella Fagnoni
2021

Abstract

Le trasformazioni che stiamo attraversando, la transizione digitale, la transizione ecologica investono tutti i campi del sapere e in particolare il design, la cultura materiale. La materia fisica si ibrida con il digitale e con i sistemi naturali, la progressiva conversione verso la smaterializzazione coinvolge non solo il mondo del prodotto e della produzione industriale, ma anche gli aspetti della vita sociale e individuale, le relazioni, la fruizione degli spazi, il rapporto con il territorio e la cultura, la salute, ogni aspetto del nostro vivere quotidiano. Si è messo in moto un processo di scambio continuo di dati fra esseri umani, oggetti e natura: vari aspetti della vita sociale e individuale vengono convertiti in dati, elaborati successivamente come informazioni, a loro volta dotate di nuove forme di valore anche economico. In questo scenario il design si trova a lavorare fra il visibile e l’invisibile, fra il materiale e l’immateriale, il reale e il virtuale. Si parla già da diversi anni di Internet of Everything (IoE), che non riguarda solo la relazione con gli oggetti (IoT), ma anche fra macchine e persone, persone e persone. I prodotti-servizi permettono di usare senza possedere, e l’obiettivo dei designer è riuscire a usare le tecnologie in modo invisibile, lavorando sul significato delle cose e delle relazioni. # Capacità di immaginazione; Distanziamento/Esperimento sociale; Verso la servitizzazione; Il sistema prodotto-servizio; Questioni di sostenibilità; Estendere il concetto di prodotti-servizi alle esperienze sul territorio; Consapevolezza civica.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
2022.06.06_DIALOGHI_LOW.pdf

non disponibili

Tipologia: Versione Editoriale
Licenza: Copyright dell'editore
Dimensione 8.78 MB
Formato Adobe PDF
8.78 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11578/318426
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact