Nata per ospitare grandi banchetti, questa sala è stata realizzata come connessione tra due esterni, necessari a dilatare percettivamente il luogo di incontro non verso la strada antistante, ma verso i due bordi secondari. Questo perchè il trattamento dei due spazi esterni era l'unico modo per arricchire lo spazio interno. Così una teoria di tavoli e panche in pietra, separati tra loro da setti murari che reggevano pergolati, ha prodotto un paesaggio di complemento in cui la sala si specchia

“Sala delle feste a Ferrara”

GALANTINO, MAURO;
1989

Abstract

Nata per ospitare grandi banchetti, questa sala è stata realizzata come connessione tra due esterni, necessari a dilatare percettivamente il luogo di incontro non verso la strada antistante, ma verso i due bordi secondari. Questo perchè il trattamento dei due spazi esterni era l'unico modo per arricchire lo spazio interno. Così una teoria di tavoli e panche in pietra, separati tra loro da setti murari che reggevano pergolati, ha prodotto un paesaggio di complemento in cui la sala si specchia
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11578/39305
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact