Giacomo Barozzi da Vignola, Le due regole della prospettiva