A partire dalla metà del Settecento le conoscenze teoriche sui ponti in legno vengono supportate da verifiche espresse in forma di esperimenti e da indagini in presa diretta sul manufatto, attraverso rilievi e studi specifici. Il saggio affronta la grande tradizione palladiana e la sapienza costruttiva svizzera dei fratelli Grubenmann che diventano il polo di interesse dell'architetto inglese John Soane. Nel 1780 Soane visitò e rilevò queste strutture lignee che da allora divennero per lui oggetto di studi incessanti.

John Soane e la "sublime semplicità della struttura" dei ponti in legno svizzeri

MAGGI, ANGELO;
2002

Abstract

A partire dalla metà del Settecento le conoscenze teoriche sui ponti in legno vengono supportate da verifiche espresse in forma di esperimenti e da indagini in presa diretta sul manufatto, attraverso rilievi e studi specifici. Il saggio affronta la grande tradizione palladiana e la sapienza costruttiva svizzera dei fratelli Grubenmann che diventano il polo di interesse dell'architetto inglese John Soane. Nel 1780 Soane visitò e rilevò queste strutture lignee che da allora divennero per lui oggetto di studi incessanti.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11578/73511
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact