Nascosto nei punti di distanza: osservatore e teoria prospettica nell’opera di Vredeman de Vries