Virtus osservativa nel linguaggio scientifico-letterario di Galileo