L'ile Beaulieu, una volta sede del porto di Nantes, si predenta oggi come una grande area abbandonata proprio di fronte alla città stoica. Elemento cardine del progetto è la costruzione di una nuova e densa "cité des affaires" che rapresenta una sorta di atto fondativo della nuova urbanizzazione dell'isola. Si tratta di una figura architettonica ottenuta con un procedimento compositivo che rimanda alle architetture sulle architetture che troviamo ad esempio nei castelli o nelle costruzioni militari. Ma è anche per articolare i diversi rapporti scalari, da quello geografico a quello urbano, dallo spazio esterno a quello interno.

La ricerca di dottorati italiani. Venezia

FABBRI, GIOVANNI BATTISTA;MONTINI ZIMOLO, PATRIZIA
1996

Abstract

L'ile Beaulieu, una volta sede del porto di Nantes, si predenta oggi come una grande area abbandonata proprio di fronte alla città stoica. Elemento cardine del progetto è la costruzione di una nuova e densa "cité des affaires" che rapresenta una sorta di atto fondativo della nuova urbanizzazione dell'isola. Si tratta di una figura architettonica ottenuta con un procedimento compositivo che rimanda alle architetture sulle architetture che troviamo ad esempio nei castelli o nelle costruzioni militari. Ma è anche per articolare i diversi rapporti scalari, da quello geografico a quello urbano, dallo spazio esterno a quello interno.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11578/76288
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact