Il cinema come macchina produttrice di emozioni