Nell’ambito della produzione di architetture destinate ai luoghi di lavoro, emergono dal panorama del secondo Novecento italiano alcuni episodi inediti di collaborazione tra industriali, architetti e paesaggisti che rivelano una specifica attenzione al paesaggio inteso come parte di un processo sia costruttivo che simbolico. L’attività di Pietro Porcinai in quanto divulgatore, specialista ma soprattutto landscape architect che lavora a contatto con esperienze soprattutto tedesche e scandinave, immette nel panorama italiano alcuni progetti interessanti che coinvolgono in questo campo figure come, ad esempio, Adriano Olivetti, Brion, Zegna.

Luoghi di lavoro, paesaggi del xx secolo

LATINI, LUIGI
2012

Abstract

Nell’ambito della produzione di architetture destinate ai luoghi di lavoro, emergono dal panorama del secondo Novecento italiano alcuni episodi inediti di collaborazione tra industriali, architetti e paesaggisti che rivelano una specifica attenzione al paesaggio inteso come parte di un processo sia costruttivo che simbolico. L’attività di Pietro Porcinai in quanto divulgatore, specialista ma soprattutto landscape architect che lavora a contatto con esperienze soprattutto tedesche e scandinave, immette nel panorama italiano alcuni progetti interessanti che coinvolgono in questo campo figure come, ad esempio, Adriano Olivetti, Brion, Zegna.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11578/95098
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact