Liliana Grassi e il recupero creativo della memoria storica