Lo scenario competitivo attuale è caratterizzato da una costante evoluzione che le imprese sono chiamate a governare: la globalizzazione da un lato e l’innovazione tecnologica, dall’altro, hanno provocato dei cambiamenti decisivi all’interno di tutta la catena del valore. In questo quadro la logistica rappresenta una leva strategica per lo sviluppo competitivo soprattutto delle PMI che si trovano a gestire il trade -off costo/servizio su scala globale. E’ da queste premesse che parte il progetto I-Log, inserito all’interno del Programma delle Iniziative Comunitarie CADSES Interreg III-B 2000-2006. L’obiettivo consiste nello sviluppare dei servizi logistici innovativi per sostenere la competitività dei sistemi produttivi locali ubicati nei paesi appartenenti all’area CADSES (Central Adriatic Danubian South-Eastern European Space). L’innovativa metodologia di lavoro seguita è consistita in una prima fase di studio ed analisi della filiera logistica/produttiva(fonti primarie e secondarie), a cui è seguita la determinazione delle criticità per comprendere in quali aree e con quali strumenti intervenire; alla data attuale si sta implementando il progetto pilota per poi analizzarne i risultati. In particolare, nella regione Veneto, i distretti industriali coinvolti sono stati quelli dello sport system di Montebelluna (TV), del marmo di Verona e del legno/arredo di Treviso. Lo studio delle tre filiere ha fatto emergere criticità e relative soluzioni logistiche diverse: nel primo distretto, lo scarso controllo delle performance logistiche ha determinato l’implementazione di una piattaforma web di distretto per un continuo check-up; nella Valpolicella si sta, invece, integrando un software per la gestione dei magazzini aziendali con il magazzino virtuale di distretto; infine, nel distretto di Treviso, si sta paramettrizzando una piattaforma ICT per la gestione delle attività logistiche di distretto (tracking, tracing, magazzino virtuale etc). Seminari e workshop sono stati realizzati durante tutta la durata del progetto per sviluppare una “cultura logistica” in modo tale che le best pratcise logistiche diventino modelli per lo sviluppo competitivo delle PMI.

Logistica e sviluppo competitivo: il caso di tre distretti veneti

MAZZARINO, MARCO
2005

Abstract

Lo scenario competitivo attuale è caratterizzato da una costante evoluzione che le imprese sono chiamate a governare: la globalizzazione da un lato e l’innovazione tecnologica, dall’altro, hanno provocato dei cambiamenti decisivi all’interno di tutta la catena del valore. In questo quadro la logistica rappresenta una leva strategica per lo sviluppo competitivo soprattutto delle PMI che si trovano a gestire il trade -off costo/servizio su scala globale. E’ da queste premesse che parte il progetto I-Log, inserito all’interno del Programma delle Iniziative Comunitarie CADSES Interreg III-B 2000-2006. L’obiettivo consiste nello sviluppare dei servizi logistici innovativi per sostenere la competitività dei sistemi produttivi locali ubicati nei paesi appartenenti all’area CADSES (Central Adriatic Danubian South-Eastern European Space). L’innovativa metodologia di lavoro seguita è consistita in una prima fase di studio ed analisi della filiera logistica/produttiva(fonti primarie e secondarie), a cui è seguita la determinazione delle criticità per comprendere in quali aree e con quali strumenti intervenire; alla data attuale si sta implementando il progetto pilota per poi analizzarne i risultati. In particolare, nella regione Veneto, i distretti industriali coinvolti sono stati quelli dello sport system di Montebelluna (TV), del marmo di Verona e del legno/arredo di Treviso. Lo studio delle tre filiere ha fatto emergere criticità e relative soluzioni logistiche diverse: nel primo distretto, lo scarso controllo delle performance logistiche ha determinato l’implementazione di una piattaforma web di distretto per un continuo check-up; nella Valpolicella si sta, invece, integrando un software per la gestione dei magazzini aziendali con il magazzino virtuale di distretto; infine, nel distretto di Treviso, si sta paramettrizzando una piattaforma ICT per la gestione delle attività logistiche di distretto (tracking, tracing, magazzino virtuale etc). Seminari e workshop sono stati realizzati durante tutta la durata del progetto per sviluppare una “cultura logistica” in modo tale che le best pratcise logistiche diventino modelli per lo sviluppo competitivo delle PMI.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11578/97689
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact