Tra forma e tettonica: la geometria descrittiva come archetipo compositivo