Analisi semiotica dell'opera video Cremaster 2 dell'artista nordamericano Matthew Barney. Il contributo si sofferma in particolare sulle strategie di defigurazione che traducono in forma visiva il sistema valoriale alla base del ciclo e di tutta l'opera di Barney, ossia la costante valorizzazione della capacità del soggetto di resistere alla stabilizzazione identitaria e di mantenere aperte possibilità di metamorfosi.

In potentia: margini del figurativo e corpo esteso

MENGONI, ANGELA
2012

Abstract

Analisi semiotica dell'opera video Cremaster 2 dell'artista nordamericano Matthew Barney. Il contributo si sofferma in particolare sulle strategie di defigurazione che traducono in forma visiva il sistema valoriale alla base del ciclo e di tutta l'opera di Barney, ossia la costante valorizzazione della capacità del soggetto di resistere alla stabilizzazione identitaria e di mantenere aperte possibilità di metamorfosi.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11578/113292
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact