L'UNIVERSITA' COME INTERLOCUTORE PRIVILEGIATO