COLORE E LUCE COME STRUMENTI DISTOPICI O VALORIZZANTI