Michele De Lucchi fa il suo debutto pubblico nel 1973 all’ingresso della XV Triennale di Milano, dove, in divisa da ufficiale napoleonico con al collo la scritta “Designer in generale”, richiama la responsabilità etica del progettista. Studente a Firenze – fra i luoghi storici del Radical italiano –, si fa promotore a Padova del gruppo Cavart, alimentando un vivace dibattito culturale e politico che sceglie come luogo privilegiato di espressione le cave di pietra locali. Nascono provocatori happening, performance, concorsi, film e, fra il 1975-76, la serie delle abitazioni verticali alla ricerca di un modo di progettare più umano, contrario al degrado dell’urbanizzazione corrente.

Utopia. Michele De Lucchi

BULEGATO, FIORELLA
2004

Abstract

Michele De Lucchi fa il suo debutto pubblico nel 1973 all’ingresso della XV Triennale di Milano, dove, in divisa da ufficiale napoleonico con al collo la scritta “Designer in generale”, richiama la responsabilità etica del progettista. Studente a Firenze – fra i luoghi storici del Radical italiano –, si fa promotore a Padova del gruppo Cavart, alimentando un vivace dibattito culturale e politico che sceglie come luogo privilegiato di espressione le cave di pietra locali. Nascono provocatori happening, performance, concorsi, film e, fra il 1975-76, la serie delle abitazioni verticali alla ricerca di un modo di progettare più umano, contrario al degrado dell’urbanizzazione corrente.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11578/254302
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact