L’architettura del grande numero e la sua persistente utopia