Per un quadro relazionale e identitario allargato: una necessaria sperimentazione internazionale condivisa