Centauri, minotauri e la dualità costitutiva del cittadino moderno