La legge 240/2010 tra continuità e cambiamento