Lo studio ha l’obiettivo di ricostruire in un quadro organico le diverse politiche abitative, promosse nei Paesi della cintura tropicale tra gli anni Cinquanta e Ottanta, che hanno contribuito a definire il Progressive Development Approach: una strategia, sostenuta dalla Banca Mondiale, per la costruzione e riqualificazione di alloggi a basso costo attraverso un progetto flessibile e ampliabile nel tempo, e il sostegno di processi costruttivi partecipati. Ripercorrendo la storia della fondazione del dipartimento di edilizia abitativa delle Nazioni Unite si analizza il ruolo che l'ente ebbe nella definizione dei primi programmi di aided self-help nei Paesi in via di sviluppo che furono poi diffusi su larga scala nei successivi progetti urbani della Banca Mondiale. Questa ricostruzione storica avviene esaminando il lavoro di architetti global experts, come Jacob Leslie Crane, Ernest Weissman, Charles Abrams, Otto Koenigsberger e John Turner, che per anni furono impegnati in missioni ai tropici nel ruolo di consulenti delle Nazioni Unite, e approfondendo una serie di casi studio, ritenuti paradigmatici, che consentono di tracciare il percorso evolutivo del Progressive Development Approach e di individuare i principi progettuali e gli elementi tecnici che definiscono i paradigmi di un'architettura di tipo incrementale.

Le origini del Progressive Development Approach: i paradigmi di una progettazione incrementale / Pappalardo, SERENA ALFIA. - (2021 Sep 23). [10.25432/pappalardo-serena-alfia_phd2021-09-23]

Le origini del Progressive Development Approach: i paradigmi di una progettazione incrementale

PAPPALARDO, SERENA ALFIA
2021

Abstract

Lo studio ha l’obiettivo di ricostruire in un quadro organico le diverse politiche abitative, promosse nei Paesi della cintura tropicale tra gli anni Cinquanta e Ottanta, che hanno contribuito a definire il Progressive Development Approach: una strategia, sostenuta dalla Banca Mondiale, per la costruzione e riqualificazione di alloggi a basso costo attraverso un progetto flessibile e ampliabile nel tempo, e il sostegno di processi costruttivi partecipati. Ripercorrendo la storia della fondazione del dipartimento di edilizia abitativa delle Nazioni Unite si analizza il ruolo che l'ente ebbe nella definizione dei primi programmi di aided self-help nei Paesi in via di sviluppo che furono poi diffusi su larga scala nei successivi progetti urbani della Banca Mondiale. Questa ricostruzione storica avviene esaminando il lavoro di architetti global experts, come Jacob Leslie Crane, Ernest Weissman, Charles Abrams, Otto Koenigsberger e John Turner, che per anni furono impegnati in missioni ai tropici nel ruolo di consulenti delle Nazioni Unite, e approfondendo una serie di casi studio, ritenuti paradigmatici, che consentono di tracciare il percorso evolutivo del Progressive Development Approach e di individuare i principi progettuali e gli elementi tecnici che definiscono i paradigmi di un'architettura di tipo incrementale.
33
ARCHITETTURA, CITTA' E DESIGN
Le origini del Progressive Development Approach: i paradigmi di una progettazione incrementale / Pappalardo, SERENA ALFIA. - (2021 Sep 23). [10.25432/pappalardo-serena-alfia_phd2021-09-23]
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Le origini del Progressive Development Approach, i paradigmi di una progettazione incrementale.pdf

embargo fino al 25/03/2023

Descrizione: Le origini del Progressive Development Approach: i paradigmi di una progettazione incrementale
Tipologia: Tesi di dottorato
Dimensione 60.12 MB
Formato Adobe PDF
60.12 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11578/306100
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact