La dimensione digitale negli ambienti museali sta assumendo un ruolo sempre più pervasivo. Il contributo illustra le opportunità offerte dalle nuove tecnologie per aumentare l’accessibilità nei musei e favorire l’accesso alla cultura per le persone con disabilità visiva, con un focus specifico sulle talking pen. L’analisi dei casi studio raccolti e il racconto di una sperimentazione avviata all’interno di un progetto di ricerca universitario evidenzia come uno strumento per utenti con disabilità possa diventare parte dell’esperienza museale anche per un pubblico più esteso, nell’ottica del Design for All.

Musei e tecnologie per l’inclusione = Museums and Technologies for Inclusion

Luca Casarotto;Pietro Costa;Erika Cunico
2022

Abstract

La dimensione digitale negli ambienti museali sta assumendo un ruolo sempre più pervasivo. Il contributo illustra le opportunità offerte dalle nuove tecnologie per aumentare l’accessibilità nei musei e favorire l’accesso alla cultura per le persone con disabilità visiva, con un focus specifico sulle talking pen. L’analisi dei casi studio raccolti e il racconto di una sperimentazione avviata all’interno di un progetto di ricerca universitario evidenzia come uno strumento per utenti con disabilità possa diventare parte dell’esperienza museale anche per un pubblico più esteso, nell’ottica del Design for All.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
38OFFICINA_casarotto-costa-cunico.pdf

accesso aperto

Tipologia: Versione Editoriale
Licenza: Creative commons
Dimensione 4.18 MB
Formato Adobe PDF
4.18 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11578/318406
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact