La recente nomina del Battistero di Padova quale Patrimonio UNESCO tra i siti di Padova Urbs Picta sottolinea ulteriormente il valore culturale del ciclo affrescato da Giusto de’ Menabuoi tra il 1375 e il 1378. Strutture e affreschi hanno una propria storia esecutiva e trasformativa e sono soggetti a rischio. Il D.P.C.M. 2011 in materia di valutazione del rischio sismico dei beni culturali ha introdotto, ormai anni orsono, la valutazione della sicurezza sismica dei beni artistici. Tuttavia, data la sua complessità, il tema di ricerca non risulta ancora diffusamente sviluppato e applicato. Le Linee Guida 2011 definiscono uno Stato Limite specifico (SLA) che deve essere valutato, per opere di valore artistico, attraverso modelli locali. Ne consegue che, oltre alla lettura costruttiva e storica del manufatto, lo studio della tecnica esecutiva dei dipinti murali, l’esame specialistico del loro stato di conservazione e della qualità strutturale del supporto svolgono un ruolo fondamentale che identifica un ambito peculiare di ricerca multidisciplinare che coinvolge ingegneri, architetti, archeologi, storici dell’arte e restauratori. Il presente contributo riflette su questi aspetti e propone criteri metodologici per la valutazione di vulnerabilità sismica degli affreschi che sono specifici per il Battistero riconoscendo, in linea con le norme vigenti, l’unicità di ogni opera ma che si pongono anche quale contributo al tema generale della sicurezza dei beni artistici.

Stato Limite dei Beni Artistici. Criteri e strumenti per la valutazione di vulnerabilità sismica degli affreschi nel Battistero di Padova

Zamboni, Isabella
;
2022-01-01

Abstract

La recente nomina del Battistero di Padova quale Patrimonio UNESCO tra i siti di Padova Urbs Picta sottolinea ulteriormente il valore culturale del ciclo affrescato da Giusto de’ Menabuoi tra il 1375 e il 1378. Strutture e affreschi hanno una propria storia esecutiva e trasformativa e sono soggetti a rischio. Il D.P.C.M. 2011 in materia di valutazione del rischio sismico dei beni culturali ha introdotto, ormai anni orsono, la valutazione della sicurezza sismica dei beni artistici. Tuttavia, data la sua complessità, il tema di ricerca non risulta ancora diffusamente sviluppato e applicato. Le Linee Guida 2011 definiscono uno Stato Limite specifico (SLA) che deve essere valutato, per opere di valore artistico, attraverso modelli locali. Ne consegue che, oltre alla lettura costruttiva e storica del manufatto, lo studio della tecnica esecutiva dei dipinti murali, l’esame specialistico del loro stato di conservazione e della qualità strutturale del supporto svolgono un ruolo fondamentale che identifica un ambito peculiare di ricerca multidisciplinare che coinvolge ingegneri, architetti, archeologi, storici dell’arte e restauratori. Il presente contributo riflette su questi aspetti e propone criteri metodologici per la valutazione di vulnerabilità sismica degli affreschi che sono specifici per il Battistero riconoscendo, in linea con le norme vigenti, l’unicità di ogni opera ma che si pongono anche quale contributo al tema generale della sicurezza dei beni artistici.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
eb_nst_ncp_8-Zamboni-Pegoraro-1.pdf

non disponibili

Tipologia: Versione Editoriale
Licenza: Accesso ristretto
Dimensione 1.81 MB
Formato Adobe PDF
1.81 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11578/318886
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact