Da un lapsus di Maffeo Pantaleoni: alcune riflessioni su conoscenza e storia