La Spezia: verso una città postmilitare?