Under 40, una generazione?