Renzo Piano e l'antiretorica del Museo