“Non si vede cosa, per suoli, ne più bella ne più gentile, ne più durabile di questa”. I terrazzi e l’edilizia veneziana