Atti del convegno di studi su "Rodolfo Pallucchini e le Arti del '900", Venezia, Fondazione Giorgio Cini, 3-4 novembre 2008. L'intervento critico di Rodolfo Pallucchini su Matisse per la mostra di Roma del 1950 - giusto a ridosso della Biennale - si presenta come un'occasione di grande rilievo per la messa a punto metodologica degli strumenti di interpretazione dello studioso sull'arte del Novecento. Mirante alla continuità di una "langue" identificata nella grande tradizione mediterranea, luogo di contaminazione tra cultura classica e orientale/bizantina, Pallucchini considera la "posizione di Matisse" come una cerniera di compatibilità tra passato e presente, in tal senso esemplare nella costruzione di una storia dell'arte contemporanea altamente intesa. La "posizione" dello studioso nei confronti dell'esercizio critico si riflette così, specularmente, in quella del pittore. This study means to grade the methodogical importance of Pallucchini's unique critical paper about Henri Matisse on the occasion of the 1950 exhibition at Palazzo delle Esposizioni, Rome. By analysing the contemporary art and its links with European pictorial tradition, Pallucchini recognizes in the French artist the main connection between the classical and the oriental inspiration.

"Posizione" di Matisse

CASTELLANI, FRANCESCA
2011

Abstract

Atti del convegno di studi su "Rodolfo Pallucchini e le Arti del '900", Venezia, Fondazione Giorgio Cini, 3-4 novembre 2008. L'intervento critico di Rodolfo Pallucchini su Matisse per la mostra di Roma del 1950 - giusto a ridosso della Biennale - si presenta come un'occasione di grande rilievo per la messa a punto metodologica degli strumenti di interpretazione dello studioso sull'arte del Novecento. Mirante alla continuità di una "langue" identificata nella grande tradizione mediterranea, luogo di contaminazione tra cultura classica e orientale/bizantina, Pallucchini considera la "posizione di Matisse" come una cerniera di compatibilità tra passato e presente, in tal senso esemplare nella costruzione di una storia dell'arte contemporanea altamente intesa. La "posizione" dello studioso nei confronti dell'esercizio critico si riflette così, specularmente, in quella del pittore. This study means to grade the methodogical importance of Pallucchini's unique critical paper about Henri Matisse on the occasion of the 1950 exhibition at Palazzo delle Esposizioni, Rome. By analysing the contemporary art and its links with European pictorial tradition, Pallucchini recognizes in the French artist the main connection between the classical and the oriental inspiration.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11578/5685
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact