Icaro, il paesaggio e l’occhio del cinematografo