Da Aristotele ai confini del mondo. Alessandro o dell’inveramento della meraviglia