Il saggio si concentra sullo studio critico-filologico dell’opera artistica, prospettica e matematica del padre minimo Jean-François Nicéron (1613-1646), e segnatamente del suo celebre trattato intitolato La perspective curieuse (Parigi 1638), mostrando la sua complessa struttura retorico-scientifica, sia rispetto alla coeva produzione di settore, sia anche alla sua edizione postuma, redatta in lingua latina, intitolata Thaumaturgus opticus (Parigi 1646). Il saggio offre uno studio critico e proiettivo, in anteprima mondiale, dell’affresco anamorfico ritraente San Giovani Evangelista che scrive l’Apocalisse nell’isola di Patmo, oggi finalmente restituito al pubblico dopo un lungo lavoro di restauro, a cura delle istituzioni francesi – Ambasciata di Francia presso la Santa Sede, Pii Stabilimenti di Francia e Loreto a Roma, e Pontificio Comitato di Scienze Storiche –. LIl saggio offre numerosi materiali inediti relativi sia alla produzione artistico-decorativa di J.F. Niceron, come le immagini dell’affresco pinciano cui si accennava, ma anche le ricostruzioni fedeli, in scala 1:1, dei giochi ottici, catottrici e anamorfotici progettati dallo stesso Nicéron e andati perduti.

L'apocalisse dell'Ottica. Le Anamorfosi gemelle di Emmanuel Maignan e di Jean-François Nicéron a Trinità dei Monti a Roma

DE ROSA, AGOSTINO
2006

Abstract

Il saggio si concentra sullo studio critico-filologico dell’opera artistica, prospettica e matematica del padre minimo Jean-François Nicéron (1613-1646), e segnatamente del suo celebre trattato intitolato La perspective curieuse (Parigi 1638), mostrando la sua complessa struttura retorico-scientifica, sia rispetto alla coeva produzione di settore, sia anche alla sua edizione postuma, redatta in lingua latina, intitolata Thaumaturgus opticus (Parigi 1646). Il saggio offre uno studio critico e proiettivo, in anteprima mondiale, dell’affresco anamorfico ritraente San Giovani Evangelista che scrive l’Apocalisse nell’isola di Patmo, oggi finalmente restituito al pubblico dopo un lungo lavoro di restauro, a cura delle istituzioni francesi – Ambasciata di Francia presso la Santa Sede, Pii Stabilimenti di Francia e Loreto a Roma, e Pontificio Comitato di Scienze Storiche –. LIl saggio offre numerosi materiali inediti relativi sia alla produzione artistico-decorativa di J.F. Niceron, come le immagini dell’affresco pinciano cui si accennava, ma anche le ricostruzioni fedeli, in scala 1:1, dei giochi ottici, catottrici e anamorfotici progettati dallo stesso Nicéron e andati perduti.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11578/7478
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact