Il progetto per l’isola artificiale di Al Marjan, situata nell’Emirato di Ras Al Khaimah, intende essere un’ espressione di sviluppo sostenibile in senso ampio, a partire dall’individuazione del suo principio insediativo e morfologico, per giungere sino alle scelte spaziali e costruttive. Il principio insediativo, matrice del disegno del paesaggio dell’area oggetto di studio, si basa sulla disposizione di elementi puntuali sviluppati su 8 e 10 piani e disposti a gruppi all’interno di isole verdi. Tali edifici contengono funzioni residenziali e garantiscono a tutti gli appartamenti la vista verso il mare. La spina dorsale dell’insediamento è rappresentata dallo spazio pubblico, una sorta di piazza allungata, che costituisce una materia connettiva e un luogo di aggregazione. Isole verdi costituiscono degli spazi semi-privati volti alla creazione di un paesaggio vegetale sul quale si inseriscono gli edifici. Le clover-leaf towers contengono 3 oppure 4 appartamenti per piano, secondo la morfologia della torre. I materiali previsti intendono rispondere a esigenze di ottimizzazione delle risorse energetiche e soprattutto al miglioramento del comfort ambientale. Si è pensato all’introduzione di facciate ventilate e logge, all’utilizzo di schermature e frangisole e all’inserimento di spazi verdi, alberati, e piscine.

Clover-leaf Towers

ALBIERO, ROBERTA
2009

Abstract

Il progetto per l’isola artificiale di Al Marjan, situata nell’Emirato di Ras Al Khaimah, intende essere un’ espressione di sviluppo sostenibile in senso ampio, a partire dall’individuazione del suo principio insediativo e morfologico, per giungere sino alle scelte spaziali e costruttive. Il principio insediativo, matrice del disegno del paesaggio dell’area oggetto di studio, si basa sulla disposizione di elementi puntuali sviluppati su 8 e 10 piani e disposti a gruppi all’interno di isole verdi. Tali edifici contengono funzioni residenziali e garantiscono a tutti gli appartamenti la vista verso il mare. La spina dorsale dell’insediamento è rappresentata dallo spazio pubblico, una sorta di piazza allungata, che costituisce una materia connettiva e un luogo di aggregazione. Isole verdi costituiscono degli spazi semi-privati volti alla creazione di un paesaggio vegetale sul quale si inseriscono gli edifici. Le clover-leaf towers contengono 3 oppure 4 appartamenti per piano, secondo la morfologia della torre. I materiali previsti intendono rispondere a esigenze di ottimizzazione delle risorse energetiche e soprattutto al miglioramento del comfort ambientale. Si è pensato all’introduzione di facciate ventilate e logge, all’utilizzo di schermature e frangisole e all’inserimento di spazi verdi, alberati, e piscine.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11578/17966
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact